Sì al parquet: ma quale scegliere

La scelta del parquetIl parquet costituisce un elemento di alto design capace di essere protagonista nelle nuove tendenze e di regalare un’atmosfera calda ed unica. Esistono molti modelli di parquet: in legno massiccio, in laminato o il parquet prefinito. Vediamo come scegliere il modello più adatto alle nostre esigenze.

Colori e Caratteristiche

Ogni gamma di parquet include colori, sfumature e venature che si adattano ad ogni arredamento. Per effettuare una scelta corretta bisogna prendere in considerazione il fatto che il legno, a contatto con la luce, è soggetto a cambiare colore: a seconda dei modelli può diventare più scuro o chiaro. Oltre alle condizioni ambientali, bisogna tener presente anche la morfologia del legno scelto. I legni che sono utilizzati per il parquet sono essenzialmente di quattro tonalità:

I legni rossi, come il merbau o il moussiè Africa, i legni chiari, come l’acero americano, il faggio ed il rovere, i legni scuri come il wengé o il mutenye ed i legni bruni tipo il teak. Mentre i legni rossi sono adatti per il riscaldamento sotto il pavimento, quelli chiari e scuri sono sconsigliati sia in quest’ultimo caso, sia nel caso di luoghi umidi, ma offrono una buona resistenza all’ossidazione. Nei luoghi umidi, come la cucina o il bagno, sono consigliati i legni bruni.

Tipologie di parquet

Oltre ai colori è importante scegliere la tipologia di parquet giusta per le proprie esigenze. Il parquet laminato, pur non essendo di legno, riesce a riprodurre alla perfezione le sfumature del parquet classico, offrendo una soluzione economica ma allo stesso tempo resistente e facile da posare. Essendo anche indeformabile all’umidità è adatto per i bagni e le cucine. Altrettanto conveniente è il parquet prefinito, pavimento che richiede oltretutto tempi brevi di posatura poiché già levigato e verniciato. Generalmente è usato nei centri commerciali o nelle abitazioni dove non si possono aspettare lunghi periodi di posa. Il parquet massello è un parquet grezzo da levigare e lucidare dopo la posa. In puro legno nobile mantiene intatta la sua bellezza negli anni, ma il costo è elevato. Offre una resistenza senza confronti, ma i tempi di completamento richiedono anche 40 giorni. Per queste caratteristiche viene generalmente posato nelle abitazioni di prestigio o di lusso.

Immagine: marog-pixcells – fotolia.comSimilar Posts: